Lagane e fagioli

   

Ingredienti:
Per la pasta:

  • 500 g di farina di grano duro
  • Sale q.b.
Per il condimento:
  • 200 g di fagioli I.G.P. di Sarconi
  • mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 peperoncino
  • 7 pomodorini


Preparazione:
Disponete a fontana la farina, aggiungete poco sale e dell’acqua quanto basta da ottenere un composto di giusta consistenza.
Lavorate la pasta fina a renderla liscia ed elastica, poi utilizzate un matterello e stendetela in una sfoglia piuttosto sottile; lasciate asciugare la sfoglia per circa 10 minuti.
Tagliate poi la pasta a strisce larghe circa 2-3 cm in modo da formare le vostre lagane. Dopodiché cuocete i fagioli e mettete da parte un po’ dell’acqua di cottura.
Cuocete la pasta e, a cottura ultimata scolate.
In una padella con l’olio soffriggere l’aglio, il peperoncino e i pomodorini spezzettati. Aggiungete nella padella con il soffritto le lagane ed i fagioli cotti con un mestolo di acqua di cottura. Fate cuocere ed insaporire per qualche minuto.
Amalgamate per bene e servire caldo.

Curiosità:
La pasta chiamata lagane deriva dal greco “làganon” e dal latino “laganum”. Tra i Greci ed i Romani infatti numerose sono le citazioni fra gli autori classici (Aristofane , Orazio, Cicerone) che usano i termini làganon e laganum per indicare un impasto di acqua e farina, tirato e tagliato a strisce (simili alle tagliatelle ma più corte e più larghe); anche il più celebre gastronomo romano Marco Gavio Apicio (25 a.C. – 37 d.C.) cita alcune ricette su questa antica pasta.
In Basilicata oltre che con i fagioli, le lagane si preparano anche con i ceci.