Nutrirsi

Le abitudini alimentari variano tra i diversi popoli del Mediterraneo, ma hanno tutte un minimo comune denominatore che consiste nel consumo abbondante di alimenti di origine vegetale e pesce, e nell’uso frequente di olio di oliva per condire e cucinare. Questi alimenti hanno importanti proprietà nutraceutiche, vale a dire effetti positivi sulla salute umana.

Nutrirsi seguendo la dieta mediterranea è dunque mangiare sano. La ricerca scientifica in questo campo ha dimostrato e continua a dimostrare che gli effetti positivi sulla salute delle diverse abitudini dietetiche tendono ad aumentare quanto più queste abitudini sono simili al modello nutrizionale delle popolazioni mediterranee. Tali benefici consistono principalmente in una maggiore propensione alla longevità e in una minore probabilità di andare incontro a: malattie cardiovascolari, tumori, patologie croniche come ad esempio il diabete e l’obesità, demenza.

Per quanto riguarda le malattie cardiovascolari, vi è evidenza scientifica che una valida protezione da esse è rappresentata da un alto consumo degli acidi grassi omega-3, sostanze derivanti da molti dei principali alimenti della dieta mediterranea, nonché degli antiossidanti largamente presenti nelle verdure, nell’olio di oliva e del vino. È stato dimostrato scientificamente anche che il rispetto di questo regime alimentare tende a diminuire notevolmente il rischio di infarto al miocardio.

Numerosi studi hanno rivelato che seguire le tradizioni alimentari dei territori bagnati dal Mar Mediterraneo aiuta a prevenire il cancro, in quanto gli alimenti consumati maggiormente in queste aree geografiche hanno un forte potere antinfiammatorio e antiossidante. Sono state riscontrate azioni di prevenzione in particolare sui tumori allo stomaco, all’esofago e quelli mammari e colon-rettali.

La dieta mediterranea risulta ottima per prevenire anche le malattie croniche, poiché le sue componenti sono ricche di vitamine e queste sono fondamentali per il benessere fisico dell’essere umano.

Questo modello nutrizionale infine si rivela molto utile per contrastare sia la nascita che la crescita dei problemi di demenza, dato che è basato sull’assunzione di cibi e bevande che hanno effetti protettivi sul cervello.

La piramide universale della Dieta Mediterranea
 

Roberta Romanelli, biologa nutrizionista e ricercatrice del MedEatResearch - Centro di Ricerche Sociali sulla Dieta Mediterranea diretto da Marino Niola, dell'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, descrive brevemente le caratteristiche della piramide della Dieta mediterranea.  

Video a cura di Annalisa Rascato e Rossella Galletti.